Chi abita al piano terra deve pagare le spese per l'ascensore?

La Cassazione ha sbrogliato una vicenda intricata

foto da Pixabay - attribuzione non richiesta

Andrea Pastore 09/02/2020 0

Dell'installazione dell'ascensore all'interno di un fabbricato si è già parlato in un precedente articolo. Adesso, invece, ci soffermiamo su una questione piuttosto delicata: chi abita al piano terra, è tenuto a partecipare alle spese dell'ascensore, relative alla manutenzione ordinaria e straordinaria?

Poichè soprattutto la seconda comporta un cospicuo esborso, è facile immaginare quanto non sia accettata di buon grado da chi, fondamentalmente, non utilizza l'ascensore. E se però l'inquilino in questione disponesse di una zona del terrazzo adibita a "sgabuzzino", da raggiungere dunque in ascensore?

E' toccato alla Cassazione dirimere ogni questione in proposito, sgomberando il campo da tutte le possibili ipotesi. Il riferimento è nel codice civile: metà della spesa è legata al valore del singolo appartamento, in base ai cosiddetti "millesimi" (che esprimono il rapporto fra il valore di ciascuna unità abitativa e il valore dell'intero edificio), l'altra metà è proporzionale all'altezza di ogni piano dal suolo. Ovviamente, chi abita al piano terra pagherà praticamente solo la prima delle due metà.

In teoria l'assemblea condominiale potrebbe anche derogare alla norma, ad esempio disponendo l'azzeramento di qualunque pagamento da parte dell'inquilino del piano terra, ma deve deciderlo all'unanimità

Potrebbero interessarti anche...

Raffaele Bisogno 11/04/2017

Sopraelevazione del fabbricato condominiale

Il codice civile, conl’articolo 1127che regola la costruzione sopra l’ultimo piano dell’edificio”, dispone che il proprietario dell’ultimo piano abbia diritto, sulla superficie su cui è costruita l’unità immobiliare posseduta, di elevare nuovi piani. Le condizioni per la sopraelevazione nonostante la libertà di essa sia generalmente concessa dall'articolo 1127, conosce molti limiti, che è la stessa norma a porre nel prosieguo.

Leggi tutto

Raffaele Bisogno 31/05/2017

La rappresentanza processuale

Ai sensi dell’articolo 1131 del codice civile, l’amministratore può agire sia contro i condomini sia contro terzi. A norma dell’articolo in parola, l’amministratore rappresenta il condominio anche sotto il profilo processuale (si discorre in tal caso di rappresentanza istituzionale o organica, per il fatto che il condominio è un ente sprovvisto di personalità giuridica ma soprattutto sprovvisto di capacità giuridica).

Leggi tutto

Raffaele Bisogno 13/06/2017

Posteggio delle biciclette nelle aree condominiali

Un sentenza del 2013 ritorna a parlare della differenza tra modifiche condominiali ed innovazione delle parti comuni negli edifici, affermando che l'installazione, su parte di marciapiede condominiale, con l’aggiunta di rastrelliere per il posteggio di biciclette, non impendendo in alcuno modo il passaggio dei condomini, fa parte delle disposizioni che può operare l'amministratore, non costituendo innovazione o reato.

Leggi tutto

Lascia un commento

Cerca...