Divergenza sulle tabelle millesimali

Raffaele Bisogno 21/03/2017 0

Le tabelle millesimali, sono strumenti per individuare il quantum un condominio deve versare per una spesa sostenuta in forma condominiale. Esse stabiliscono la quota di partecipazione alle spese che, può essere differente tra condominio e condominio. Naturalmente, chi ha un’abitazione più grande o più abitazioni, pagherà oneri maggiori rispetto a chi ha di meno. Ma le tabelle stabiliscono anche il valore nelle decisioni che verranno prese in assemblea per un condominio. Chi ha di più, come nel caso delle spese, “pesa” anche di più in fase di decisione. Ai sensi dell’articolo 68 disposizioni di attuazione del codice civile, le tabelle millesimali devono essere formate per gli effetti indicati dagli articoli 1123 (ripartizione delle spese), 1124 (manutenzione e ricostruzione delle scale), 1126 (uso, riparazione e ricostruzione dei lastrici solari) e 1136 (costituzione dell’assemblea e validità delle deliberazioni), e devono essere allegate al regolamento condominiale. Le tabelle millesimali possono essere di natura convenzionale (negoziale, contrattuale), quando siano state predisposte dall’unico originario proprietario dell’edificio, accettate dagli iniziali acquirenti dei singoli locali e trascritte regolarmente, ovvero abbiano formato oggetto di specifico accordo (consenso negoziale unanime) di tutti i condomini; oppure possono essere di natura (non contrattuale) deliberativa, quando siano state decise e approvate con deliberazione dell’assemblea condominiale. Le divergenze tra le tabelle millesimali e l’effettiva realtà del fabbricato non configura un’ipotesi di nullità dell’atto di approvazione delle tabelle, ma si potrebbe presentare un problema di divergenza tra i valori delle singole unità immobiliari e quello proporzionale ad esse attribuito nelle tabelle. Questo, ai sensi dell’articolo 69 al punto 2 disposizioni di attuazione del codice civile, giustifica la revisione delle tabelle ad opera dell’assemblea dei condomini, per contratto, oppure dall’autorità giudiziaria. Pertanto, fino a quando non vengono modificate, le tabelle millesimali, sia pure viziate da gravi carenze, conservano la loro efficacia con la conseguenza che non può affermarsi l’irrimediabile nullità delle delibere approvate dall’assemblea dei condomini sulla base delle tabelle in vigore.

Potrebbero interessarti anche...

Raffaele Bisogno 23/05/2017

Ripartizione spesa del portierato

Le spese del portierato si ripartiscono, di solito in base alle quote millesimali di comproprietà dei condomini. La cassazione, con sentenza n. 5081 del 30/05/1990, ha affermato che le spese di portierato vanno ripartite fra i condomini in base alla quota millesimale di comproprietà, ove manchi una diversa convenzione, e che i criterio esposto va applicato a maggior ragione, quando il regolamento di condominio prevede espressamente che le spese di cui trattasi, vanno ripartite secondo la tabella millesimale di comproprietà.

Leggi tutto

Raffaele Bisogno 11/04/2017

Sopraelevazione del fabbricato condominiale

Il codice civile, conl’articolo 1127che regola la costruzione sopra l’ultimo piano dell’edificio”, dispone che il proprietario dell’ultimo piano abbia diritto, sulla superficie su cui è costruita l’unità immobiliare posseduta, di elevare nuovi piani. Le condizioni per la sopraelevazione nonostante la libertà di essa sia generalmente concessa dall'articolo 1127, conosce molti limiti, che è la stessa norma a porre nel prosieguo.

Leggi tutto

Raffaele Bisogno 06/03/2017

Disturbo della quiete pubblica in un condominio

Contro gli schiamazzi in un condominio che eccede i limiti di “normale tollerabilità” è sempre consentita l’azione civile per il risarcimento del danno e la cessazione delle turbative. Perchè possa anche invocarsi il reato di disturbo alla quiete pubblica non è sufficiente il superamento della

Leggi tutto

Lascia un commento

Cerca...