Il "diritto" all'antenna tv

La parabola sul balcone è pressochè "libera"

Andrea Pastore 11/01/2020 0

Sebbene l'avvento della fibra ottica abbia spinto ormai decisamente i broadcaster tv a veicolare sulla rete Internet il segnale di trasmissione, l'antenna parabolica resta tutt'ora uno dei dispositivi più utilizzati per la ricezione dei canali criptati e per la visione di eventi, soprattutto sportivi, a pagamento.

In merito all'installazione della parabola sul proprio balcone di casa, non esiste un ostativo vero e proprio. Soltanto un regolamento condominiale approvato all’unanimità potrebbe "condizionare" (ad esempio relativamente all'impatto estetico dell'antenna) quello che la Corte di Cassazione ha definito un vero e proprio "diritto all'antenna tv", quale diretta emanazione del diritto all'informazione e alla libera manifestazione del pensiero disciplinato dall'art. 21 della nostra Costituzione.

Di fatto, quindi, non si può negare ad un condomino la possibilità di installare la parabola sul proprio balcone, a patto che ovviamente questo diritto venga esercitato senza arrecare danno alle parti comuni del fabbricato e senza ostacolare il pari diritto altrui.

Potrebbero interessarti anche...

Raffaele Bisogno 23/05/2017

Ripartizione spesa del portierato

Le spese del portierato si ripartiscono, di solito in base alle quote millesimali di comproprietà dei condomini. La cassazione, con sentenza n. 5081 del 30/05/1990, ha affermato che le spese di portierato vanno ripartite fra i condomini in base alla quota millesimale di comproprietà, ove manchi una diversa convenzione, e che i criterio esposto va applicato a maggior ragione, quando il regolamento di condominio prevede espressamente che le spese di cui trattasi, vanno ripartite secondo la tabella millesimale di comproprietà.

Leggi tutto

Raffaele Bisogno 28/03/2017

La comunione dei beni in un condominio

Un diritto oltre che a una singola persona può appartenere anche a più persone insieme: si ha in tal caso la comunione, che ricorre quando più soggetti sono contitolari del medesimo diritto. Il codice civile disciplina in particolare la comunione di proprietà o comproprietà (articolo 110 del codice civile), ma la relativa disciplina è applicabile, in quanto compatibili, anche alla comunione avente per oggetto altri diritti.

Leggi tutto

Andrea Pastore 10/03/2017

La proprietà esclusiva e le parti comuni

Nel condominio coesistono due situazioni giuridiche destinate e complementari: ogni condominio è titolare di un diritto di proprietà esclusiva su uno o più piani, ma nel contempo partecipa con gli altri proprietari ad una comunione di proprietà delle parti comuni del fabbricato, che analiticamente, sono indicate nell’articolo 1117 del codice civile.

Leggi tutto

Lascia un commento

Cerca...