Il "diritto" all'antenna tv

La parabola sul balcone è pressochè "libera"

Andrea Pastore 11/01/2020 0

Sebbene l'avvento della fibra ottica abbia spinto ormai decisamente i broadcaster tv a veicolare sulla rete Internet il segnale di trasmissione, l'antenna parabolica resta tutt'ora uno dei dispositivi più utilizzati per la ricezione dei canali criptati e per la visione di eventi, soprattutto sportivi, a pagamento.

In merito all'installazione della parabola sul proprio balcone di casa, non esiste un ostativo vero e proprio. Soltanto un regolamento condominiale approvato all’unanimità potrebbe "condizionare" (ad esempio relativamente all'impatto estetico dell'antenna) quello che la Corte di Cassazione ha definito un vero e proprio "diritto all'antenna tv", quale diretta emanazione del diritto all'informazione e alla libera manifestazione del pensiero disciplinato dall'art. 21 della nostra Costituzione.

Di fatto, quindi, non si può negare ad un condomino la possibilità di installare la parabola sul proprio balcone, a patto che ovviamente questo diritto venga esercitato senza arrecare danno alle parti comuni del fabbricato e senza ostacolare il pari diritto altrui.

Potrebbero interessarti anche...

Raffaele Bisogno 06/03/2017

Disturbo della quiete pubblica in un condominio

Contro gli schiamazzi in un condominio che eccede i limiti di “normale tollerabilità” è sempre consentita l’azione civile per il risarcimento del danno e la cessazione delle turbative. Perchè possa anche invocarsi il reato di disturbo alla quiete pubblica non è sufficiente il superamento della

Leggi tutto

Raffaele Bisogno 03/05/2017

Gli adempimenti fiscali del condominio

Dal 1° Gennaio del 1998 il condominio è diventato sostituto d’imposta. Secondo le leggi tributarie è sostituto d’imposta “chi in forza di disposizioni di legge è obbligato al pagamento di imposte in luogo di altri, per fatti o situazioni a questi riferibili ed anche a titolo di acconto”.

Leggi tutto

Raffaele Bisogno 23/05/2017

Ripartizione spesa del portierato

Le spese del portierato si ripartiscono, di solito in base alle quote millesimali di comproprietà dei condomini. La cassazione, con sentenza n. 5081 del 30/05/1990, ha affermato che le spese di portierato vanno ripartite fra i condomini in base alla quota millesimale di comproprietà, ove manchi una diversa convenzione, e che i criterio esposto va applicato a maggior ragione, quando il regolamento di condominio prevede espressamente che le spese di cui trattasi, vanno ripartite secondo la tabella millesimale di comproprietà.

Leggi tutto

Lascia un commento

Cerca...