La rappresentanza processuale

Raffaele Bisogno 31/05/2017 0

Ai sensi dell’articolo 1131 del codice civile, l’amministratore può agire sia contro i condomini sia contro terzi. A norma dell’articolo in parola, l’amministratore rappresenta il condominio anche sotto il profilo processuale (si discorre in tal caso di rappresentanza istituzionale o organica, per il fatto che il condominio è un ente sprovvisto di personalità giuridica ma soprattutto sprovvisto di capacità giuridica). La legge tuttavia ha previsto delle limitazioni in tema di legittimazione ad agire sotto il profilo attivo che sotto quello passivo. In primo luogo è però opportuno soffermarsi sulla nozione di rappresentanza riferita all’amministratore di condominio. L’amministratore, in quanto organo esecutivo dei condomini, rappresenta l’ente che gestisce, prima ancora che dal punto di vista processuale, il punto di vista sostanziale, nel senso che egli agisce in nome e per conto del condominio soltanto per conto ma in nome proprio. Tuttavia va rilevato che l’esistenza di tale organo non priva i singoli condomini ad agire a difesa dei propri diritti esclusivi. La giurisprudenza pertanto dà la possibilità al condomino, che vi abbia interesse, di impugnare la decisione emessa in giudizio nel quale egli sia stato rappresentato dall’amministratore. Tuttavia, l’amministratore in qualità di rappresentante del condominio, ha dei poteri piuttosto limitati. Il codice civile limita infatti il suo potere di agire in giudizio sia contro terzi, sia conto singoli condomini, alle sole materie che sono di sua competenza: al di fuori di queste ipotesi è sempre necessaria l’autorizzazione dell’assemblea con le maggioranze prescritte. Le sanzioni unite della cassazione, con la sentenza del 6 agosto 2010, n. 18331, hanno stabilito che, anche in materia di azioni giudiziarie, il potere decisionale spetta solo ed esclusivamente all’assemblea, che dovrà deliberare se agire in giudizio, se resistere e se impugnare i provvedimenti in cui il condominio risulti soccombere, sul presupposto che, anche in materia processuale l’amministratore non ha poteri autonomi, bensì finalizzati a dare esecuzione alle deliberazioni dell’assemblea ovvero a compiere atti conservativi dei diritti inerenti alle parti comuni dell’edificio. Con l’affermazione del nuovo principio, le sezioni unite hanno sottolineato l’indispensabilità dell’investitura dell’amministratore da parte dell’assemblea condominiale per agire o resistere in giudizio.

Potrebbero interessarti anche...

Raffaele Bisogno 06/03/2017

Disturbo della quiete pubblica in un condominio

Contro gli schiamazzi in un condominio che eccede i limiti di “normale tollerabilità” è sempre consentita l’azione civile per il risarcimento del danno e la cessazione delle turbative. Perchè possa anche invocarsi il reato di disturbo alla quiete pubblica non è sufficiente il superamento della

Leggi tutto

Raffaele Bisogno 11/04/2017

Sopraelevazione del fabbricato condominiale

Il codice civile, conl’articolo 1127che regola la costruzione sopra l’ultimo piano dell’edificio”, dispone che il proprietario dell’ultimo piano abbia diritto, sulla superficie su cui è costruita l’unità immobiliare posseduta, di elevare nuovi piani. Le condizioni per la sopraelevazione nonostante la libertà di essa sia generalmente concessa dall'articolo 1127, conosce molti limiti, che è la stessa norma a porre nel prosieguo.

Leggi tutto

Raffaele Bisogno 23/05/2017

Ripartizione spesa del portierato

Le spese del portierato si ripartiscono, di solito in base alle quote millesimali di comproprietà dei condomini. La cassazione, con sentenza n. 5081 del 30/05/1990, ha affermato che le spese di portierato vanno ripartite fra i condomini in base alla quota millesimale di comproprietà, ove manchi una diversa convenzione, e che i criterio esposto va applicato a maggior ragione, quando il regolamento di condominio prevede espressamente che le spese di cui trattasi, vanno ripartite secondo la tabella millesimale di comproprietà.

Leggi tutto

Lascia un commento

Cerca...