Regolamento del condominio

Raffaele Bisogno 09/03/2017 0

Il condominio è regolato, oltre che dalle norme stabilite dalle leggi, anche dalle disposizioni contenute in un proprio regolamento di condominio. Con esso si individuano diritti ed obblighi dai condomini, norme precise che stabiliscono delle regole per evitare liti e discussioni inutili tra i condomini. In particolare, il regolamento di condominio contiene le norme sull’uso delle cose comuni e la ripartizione delle spese tra i condomini, secondo i diritti e gli obblighi spettanti a ciascuno, nonché le norme per la tutela del decoro dell’edificio e quelle relative all’amministrazione. L’articolo 1138 del codice civile prevede l’obbligo di redigere un regolamento di condominio quando vi sono più di dieci condomini; se i condomini sono, ad esempio tre, possono trovare applicazione in virtù del rinvio di cui all’articolo 1139 del codice civile, le disposizioni sulla comunione. Le norme, naturalmente, non possono in alcun modo menomare i diritti di ciascun condominio. Il regolamento, poi, potrà essere interpretato esclusivamente dall’assemblea dei condomini. La disciplina per la procedura di modifica del regolamento condominiale è differente a seconda che si tratti di un regolamento ordinario o contrattuale. Nel caso del regolamento ordinario la legge dispone che ciascun condomino può assumere l’iniziativa per la revisione del regolamento. In questo caso la parola passerà all’assemblea condominiale che potrà deliberare la modifica con la stessa maggioranza prevista per l’approvazione del regolamento, ovverosia la maggioranza dei presenti all’assemblea che rappresenta almeno la metà del valore dell’edificio. Nel caso di regolamento contrattuale, invece, sarà sempre necessaria l’unanimità dei condomini.

Potrebbero interessarti anche...

Andrea Pastore 10/03/2017

La proprietà esclusiva e le parti comuni

Nel condominio coesistono due situazioni giuridiche destinate e complementari: ogni condominio è titolare di un diritto di proprietà esclusiva su uno o più piani, ma nel contempo partecipa con gli altri proprietari ad una comunione di proprietà delle parti comuni del fabbricato, che analiticamente, sono indicate nell’articolo 1117 del codice civile.

Leggi tutto

Raffaele Bisogno 11/04/2017

Sopraelevazione del fabbricato condominiale

Il codice civile, conl’articolo 1127che regola la costruzione sopra l’ultimo piano dell’edificio”, dispone che il proprietario dell’ultimo piano abbia diritto, sulla superficie su cui è costruita l’unità immobiliare posseduta, di elevare nuovi piani. Le condizioni per la sopraelevazione nonostante la libertà di essa sia generalmente concessa dall'articolo 1127, conosce molti limiti, che è la stessa norma a porre nel prosieguo.

Leggi tutto

Raffaele Bisogno 11/03/2017

Conferma nomina amministratore

Un discorso a parte deve essere effettuato per la conferma dell’amministratore in carica in quanto una sentenza del Tribunale di Roma interviene in materia di quorum necessari per la conferma dell’amministratore di condominio. Da un lato vi è la tesi, sposata in diversi occasioni del Supremo Collegio, secondo cui “non solo in caso di nomina o revoca dell’amministratore, ma anche in quello di conferma è necessaria la maggioranza di cui all’articolo 1136 4° comma del codice civile, trattandosi di delibere che hanno contenuto ed effetti giuridici uguali”.

Leggi tutto

Lascia un commento

Cerca...